Blog autonoleggio Auto Europe - Consigli di viaggio


La magia delle fiabe nel Nord Europa

L’Europa del Nord ha sempre avuto una particolare predilezione per il mondo delle fiabe, tant’è che molti dei più famosi autori di racconti e di libri per ragazzi sono nati in Scandinavia o in Germania: sarà forse per la presenza di foreste e castelli in quantità, sarà forse anche un retaggio delle antiche saghe nordiche, fatto sta che quello delle favole rappresenta un genere letterario di tutto rispetto, che ancora oggi appassiona i piccoli …. e anche i più grandi!

Quando si parla dei Fratelli Grimm, infatti, si farebbe un grandissimo errore considerare la raccolta delle loro fiabe più celebri (Cenerentola, Cappuccetto Rosso, Biancaneve ecc….) come un libro per bambini: l’opera, infatti, scava nella tradizione popolare tedesca e, come tale, diverte (e spaventa!) i bambini, ma racconta agli adulti la storia del popolo germanico. Non è certamente un caso che, dal 1975, sia stato creato un vero e proprio itinerario delle favole dei Fratelli Grimm, chiamato “deutsche Märchenstraße”, ovvero la Strada tedesca delle fiabe, che si snoda per oltre 600 km. da Hanau, luogo natale dei Fratelli Grimm, fino a Brema, città conosciuta anche grazie ai famosi “Musicanti” dell’omonima favola.

I Musicanti di Brema

I Musicanti di Brema in Germania

Il percorso è un itinerario affascinante tra storia e leggenda, attraverso i luoghi, reali o immaginati, del mondo dei Fratelli Grimm, ma non solo: si passa per la città di Hameln, patria del celebre “Pifferaio”, per continuare con la città natale del Barone di Münchhausen e i vari luoghi d’ambientazione delle celebri favole dei due fratelli: come ovvio, in ciascuna di queste località si organizzano frequenti rappresentazioni dal vivo della fiaba, con itinerari guidati e animati per la gioia dei bambini (e non solo….).

Salendo più a nord, ed arrivando in Danimarca, una visita particolare merita la città natale del più famose scrittore di favole del Paese: Hans Christian Andersen infatti è nato ad Odense, terza città per grandezza dello Stato danese, che ha dedicato moltissimi luoghi al suo illustre figlio, a partire dalla sua casa natale, per continuare a comparire quasi in ogni suo angolo: e i suoi personaggi, la Sirenetta, la Piccola Fiammiferaia, il Brutto Anatroccolo, il Soldatino di Stagno e tanti altri ancora prendono letteralmente vita, e i bambini non sono più in grado di distinguere ciò che è vero da ciò che è fiaba: e siccome tutti noi siamo stati bambini ed abbiamo amato le fiabe di Andersen, questo “rapimento” da parte dei suoi personaggi coinvolge anche gli adulti, che finiscono per divertirsi quanto e più dei bambini stessi!

Statua di Hans Christian Andersen a Odense, in Danimarca

Statua di Hans Christian Andersen a Odense, in Danimarca

Se ancora non siete sazi di storie per ragazzi (ma che hanno molto da insegnare anche agli adulti) un’altra tappa vivamente consigliata per un viaggio con i vostri bambini è la città natale di Astrid Lindgren, la creatrice di “Emil” e, soprattutto, di “Pippi Calzelunghe”: ci troviamo dunque a Vimmerby, in Svezia, dove dal 1981 esiste un grandissimo parco tematico dedicato alla scrittrice e al suo mondo; e, se al termine di questa visita vi restano ancora tempo ed energie, la regione dello Småland (il cui nome, se avete bambini, vi suonerà molto familiare….) è l’ideale per immergervi nel mondo rurale della Svezia, con le sue bellissime campagne e la sua natura incontaminata.

Se invece avete la possibilità di una vacanza un po’ più lunga, non potete mancare una visita all’Isola di Gotland e al suo magnifico capoluogo Visby: si approda su quest’isola del Mar Baltico dopo circa tre ore di navigazione, ma sembra di fare un salto indietro nel tempo di almeno tre secoli! L’isola è famosa non solo perché set di numerose puntate dei telefilm di Pippi Calzelunghe, ma Visby è stata dichiarata anche patrimonio dell’umanità dall’Unesco, per essere la città medievale meglio conservata di tutta la Svezia.

Insomma, la vostra vacanza sarà indimenticabile non solo per i vostri bambini, ma anche per quel “fanciullino” che ancora vive in ciascuno di noi …..

Questo articolo è stato pubblicato in Cultura, Idee di viaggio. Salva il permalink.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato. I campi segnati con l'asterisco sono obbligatori *

Puoi usare questi attribute HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*