Blog autonoleggio Auto Europe - Consigli di viaggio


La disfida degli alberi di Natale

Con il 25 dicembre ormai prossimo, tutte le città e i paesi del mondo, anche quelli più piccoli, si sono rivestiti di addobbi e luci, che restituiscono alle strade e ai palazzi un segno tangibile e allegro di festa.

Il fulcro di queste sfarzose illuminazioni è quasi sempre uno dei due simboli della tradizione natalizia: il presepe o l’albero di Natale (e qualche volta li troviamo esposti insieme). E, a proposito di quest’ultimo, tra le tante idee che ogni anno vengono a realizzarsi nella forma più o meno tradizionale del grande abete ricoperto di luci e decorazioni abbiamo voluto cercare per tutto il pianeta i “migliori” alberi di Natale del 2016.

Partiamo dal Centroamerica, dove a Guatemala City, capitale del Guatemala, una nota società produttrice di birra è, sin dal 1985, lo sponsor che organizza la predisposizione di un colossale albero di Natale nel centro della città: quest’anno, si sono voluti superare, ed è stato innalzato un meraviglioso Christmas Tree alto 35 metri, inaugurato tra migliaia di persone lo scorso 12 novembre: questo albero colossale illuminerà la Plaza del Obelisco fino a gennaio, e sarà il luogo d’incontro di tutti i festeggiamenti natalizi, qui particolarmente sentiti.

Risalendo per il continente americano, non potevamo esimerci dal fare una visita agli Stati Uniti, dove il culto per tutto ciò che è extra large non poteva non coinvolgere le luminarie e le decorazioni di Natale: e, tra tutte le varie possibilità, abbiamo voluto scegliere non il più grande albero di Natale, ma il più prestigioso ed elegante: siamo nel pieno centro di New York, nella raffinata atmosfera della Rockfeller Plaza, e questo maestoso albero di Natale, ricoperto da 45.000 luci e cristalli Swarowski, impreziosirà la piazza fino al 7 gennaio; all’accensione, avvenuta il 30 novembre, ha assistito la consueta folla di newyorkesi e turisti, che hanno letteralmente “assediato” la piazza creando un’ulteriore straordinario colpo d’occhio.

Potrà forse sorprendere qualcuno, ma in Libano, Paese spesso all’onore delle cronache per i frequenti episodi di violenza, esiste, soprattutto a Beirut e nelle città vicine, una consolidata tradizione di spettacolari alberi di Natale: ad esempio, a 37 km dalla capitale libanese, a Biblo, l’odierna Jbeil, città dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco, l’ingresso alla città, storico porto di tradizione fenicia, è letteralmente illuminato da un enorme e bellissimo albero di Natale, alto oltre 30 metri. Essendo ormai una tradizione, nel web l’albero di Natale di Biblo scatena discussioni e apprezzamenti: quest’anno poi, dopo un albero 2015 dalle forme metalliche e moderne, si è tornati alla tradizione, pur sempre nella maestosità delle dimensioni.

Lontano dalle forme tradizionali, ancorché costruito con solidissimo legno, è il curioso albero di Natale della cittadina di Rakvere, in Estonia, a circa 100 km. da Tallinn: un complesso meccanismo di ingranaggi e carrucole alto 13 metri, con un’illuminazione che ne cambia in continuazione il colore; questo è il terzo anno che la cittadina estone celebra in questo modo il Natale, con la creazione di un albero dalle forme inconsuete, ogni anno diverso, ma tutti più simili ad un’installazione d’arte contemporanea che ad un tradizionale Christmas tree: ma la gente del posto, e i numeri turisti, sembrano apprezzare ogni anno di più!

Tradizione o innovazione: questo è il dilemma! Ma non è certo un problema per gli abitanti di Napoli, che quest’anno non hanno l’imbarazzo della scelta: abbiamo infatti il gigantesco albero della tradizione (si fa per dire), denominato N’Albero che, con i suoi 40 metri d’altezza, è l’albero di Natale transitabile più alto del mondo: inaugurato l’8 dicembre, è visitabile dal pubblico a partire dal 10 dicembre e per i prossimi 90 giorni, e si trova sulla Rotonda Diaz, sul lungomare; a farne da contraltare, ai Quartieri Spagnoli, è l’albero installazione firmato da Mimmo Paladino, un’esile figura blu alta 20 metri, posta nel cuore popolare della città. Una bella sfida scegliere quale sia “meglio”.

Se poi pensate che ci siano (e ce ne sono) altri bellissimi alberi di Natale che meritano di essere ricordati, fatecelo sapere: nel frattempo, godetevi le luci di questi colossi coloratissimi!

Questo articolo è stato pubblicato in Eventi. Salva il permalink.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato. I campi segnati con l'asterisco sono obbligatori *

Puoi usare questi attribute HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*